enfrit

Mores

MoresMores è un comune di 2.000 abitanti circa, e si trova nella provincia di Sassari nel territorio denominato Logudoro Meilogu.

La nascita di questo paese, che si sviluppa ai piedi del Monte Lachesos a circa 500 metri sul livello del mare, risale al medioevo, anche se sono numerosi i ritrovamenti di domus de janas e dolmen, testimonianza di remote colonizzazioni fin da migliaia di anni Avanti Cristo.

Il centro abitato si svolge lungo un corso rettilineo dominato dall’altissimo campanile della chiesa della Santa patrona di Mores, Santa Caterina, il più alto della Sardegna.

L’attività economica principale del territorio è la pastorizia, seguito dall’agricoltura, con una nicchia abbastanza importante di trasformazione e vendita di prodotti lattiero caseari.

Nel territorio di Mores si trova uno dei pochi siti con sepolture atipiche per la cultura sarda, vale a dire il dolmen Sa Coveccada: si tratta di costruzioni con pietre megalitiche, probabilmente un elemento di importazione della cultura celtica che, passando per l’attuale Francia, tra il III e il II millennio a.C. arrivò anche nella vicina Corsica e nella parte settentrionale della Sardegna. Il dolmen Sa Coveccada è anche uno dei più imponenti dell’Isola. Altri reperti importanti si possono trovare sulle pendici del Monte Lachesos, dove si trovano le domus de janas Sas Fadas.

Le feste più importanti dell’anno sono la Nostra Signora di Todorache e la festa si Santu Juanne, tra fine agosto e i primi dieci giorni di settembre.

Nel territorio comunale è presente l’ Autodromo Nazionale “Franco di Suni”, in Località Su Sassu, meta di tantissimi sportivi amanti dei motori.

Link utili: