enfrit

La grande varietà della proposta, patrimonio da salvare

La grande varietà della proposta patrimonio da salvare

Il tipo di telaio usato nella tessitura cambia da zona a zona. In alcune regioni, come Gallura, Logudoro-Meilogu, Mandrolisai, Marghine-Planargia, Marmilla, Montiferru, Nuorese, Ogliastra-Salto di Quirra, Sarcidano, Sarrabus, Sassarese-Romangia, Sulcis-Iglesiente e Trexenta solitamente si impiegano i telai orizzontali, di gran lunga i più diffusi in Sardegna.

Gallura

Quella dei tappeti è la migliore espressione artigianale di Aggius, paese gallurese che non a caso ospita il Museo etnografico del tappeto. La trama è ottenuta con la tecnica “a un’indente”.

Logudoro-Meilogu

A Ittiri e Pozzomaggiore (Logudoro-Meilogu) operano artigiani che sono apprezzati sia per i tappeti lavorati con la tecnica a pibìonis (granelli simili agli acini d’uva), che sono stati riscoperti in epoca recente dal mercato nazionale, sia per le coperte di lana grezza e finemente colorata (in particolar modo quelle di Pozzomaggiore, chiamate fressadas), cotone e lino (faùnas). Nella stessa regione, Bonorva da sempre è apprezzata per la produzione di arazzi con i telai a mano, secondo la tecnica “a punta de agu”.

Tessuti

Tessuti

Marmilla

Suggeriamo di non perdere la Fiera del tappeto, a Mogoro (Marmilla). E la Mostra dell’arazzo antico, nella stessa località. Appuntamenti imperdibili per chi ama questi splendidi esempi di artigianato artistico sardo. Mogoro vanta grande tradizione negli arazzi, che mostrano colori vivaci in grado di dare luminosità ad ambienti un po’ austeri, ma anche nei tappeti con la tecnica “a pibiones” (cioè a granelli simili agli acini d’uva) e nei corredi. Anche Morgongiòri produce tappeti e arazzi di ottima qualità.

Mandrolisai

Ad Atzara (Mandrolisai) si conserva l’antica tradizione della produzione artigianale di tappeti di lana e cotone dai colori molto forti, realizzati con la tecnica “a pibiones” (a grani, simili ad acini d’uva). Atzara vanta grande tradizione anche nelle coperte di lana grezza: sul colore bianco spiccano inserzioni floreali molto colorate.

Marghine-Planargia

Gli artigiani del settore a Bolotana (Marghine-Planargia) prediligono la tecnica della tessitura “a trama”, con disegni stilizzati che impreziosiscono tappeti e arazzi.

Montiferru

Vivace la produzione nel Montiferru. Cuglieri vanta grande tradizione nella produzione di tappeti, arazzi e copricassa di vario materiale. Le artigiane del paese sono note per la “prendidura”, vale a dire frange in cotone per ornare asciugamani e coperte da corredo. Gli artigiani di Santu Lussurgiu realizzano tappeti molto colorati, con la tecnica detta “a pibiones”, cioè un punto che rassomiglia ai grappoli d’uva. Scano Montiferro, infine, è noto per le coperte da letto, di cotone o lino, generalmente di colore bianco o avorio. Sono caratteristici i bassorilievi prodotti con la tecnica “a pibiones”.

Tessitura di Ulassai

Tessitura di Ulassai

Sarcidano

A Isili (Sarcidano), a cavallo tra agosto e settembre, c’è l’immancabile appuntamento con la Mostra del Mercato isilese, con i prodotti della tradizione locale. Questo paese è noto per i suoi tappeti, coperte e arazzi con tonalità di colore “calde” e una trama particolare. In questo paese si confezionano anche le bisacce, un tempo usate da pastori e contadini. Merita una visita il Museo civico per l’arte del rame e del tessuto, nel quale si possono ammirare autentici capolavori dell’arte tessile.

Nuorese

Sarule è uno dei centri del Nuorese più importanti, sotto il profilo della tradizione e della qualità dei filati. A Dorgali e a Nùoro è andata affermandosi una tecnica particolare di tessitura “annodata”, che permette la realizzazione di bellissimi tappeti sardi di gusto moderno.

Ogliastra-Salto di Quirra

A Barisardo (Ogliastra-Salto di Quirra) le sapienti mani delle artigiane producono cuscini e coperte in lino (con la tecnica “a pibiones”, simili a grappoli d’uva) di ottima fattura. Ulassai vanta grande tradizione nella produzione artigianale di coperte, tappeti e tendaggi. A Villagrande Strisàili potete acquistare coperte e tappeti realizzati artigianalmente secondo un’antica tradizione.

Sarrabus

San Vito è la località del Sarrabus dove sono state conservate maggiormente le antiche tradizioni nel settore della tessitura, in particolare per la creazione di tappeti (a grani di lana di diversi colori), coperte di lana e cotone, tendaggi. Anche Muravera si fa apprezzare per la qualità dei suoi tappeti, che sono acquistati anche dagli abitanti delle vicine località.

Sassarese-Romangia

A Osilo (Sassarese-Romangia) gli artigiani del settore lavorano molto bene lana e cotone con la tecnica “a pibiones”, cioè con la formazione di piccoli grani che sembrano acini d’uva.

Sulcis-Iglesiente

Nel Sulcis-Iglesiente, Sant’Antioco è nota per gli arazzi (preparati “a punta de agu”, cioè in punta d’ago) e per i tappeti, che sono stati riscoperti in epoca recente. A Villamassargia non sono pochi gli artigiani che producono tappeti, tende, coperte e copriletto (di lana e di cotone, generalmente per letti “matrimoniali” o a due piazze), cuscini e copricassa (coprivano le casse nuziali), secondo l’antica e fantasiosa tradizione isolana. Giba è nota per la produzione artigianale di coperte e copriletto (di lana e di cotone, generalmente per letti “a due piazze”), copricassa e cuscini, secondo l’antica e fantasiosa tradizione isolana.

Trexenta

San Basilio è una delle località della Trexenta di maggiore tradizione nella produzione artigianale di tappeti, coperte, tendaggi, cuscini.

Baronìe

Nelle Baronìe e nel Monte Acuto-Goceano si impiegano i telai verticali, con la tecnica di filatura liscia. Un po’ in tutti i centri si è mantenuta l’antica tradizione dei manufatti tessili. Galtellì (Baronìe) conserva una buona tradizione nella produzione artigianale di tappeti.

Monte Acuto-Goceano

Il paese di Nule (Monte Acuto-Goceano) è rinomato per la produzione di tappeti di lana grezza, con caratteristici motivi a forma di fiammelle che risaltano sui colori pastello. Anche Nughedu San Nicolò e Oschiri vantano una buona tradizione nella tessitura.