enfrit

Metalli senza segreti per gli artigiani che lavorano nell’isola

Metalli senza segreti per gli artigiani  che lavorano nell'isolaIn buona parte della Sardegna si lavorano i metalli, secondo una tradizione ormai consolidata. Nel Logudoro-Meilogu spiccano gli artigiani di Ittiri, sia nella lavorazione del ferro, sia in quella del rame.

Sorgono è una delle località del Mandrolisai che vanta la maggiore tradizione nel settore. Nei laboratori si producono cancelli, ringhiere, letti, bastoni per tendaggi, lampadari, oggetti per il caminetto, spiedi, graticole.

Anche Nùoro e Orani (Nuorese) vantano bravi artigiani che producono cancelli, ringhiere, grate per finestre, scale, letti, bastoni per tendaggi, lampadari e oggetti per il caminetto e la cucina.

Dorgali è uno dei paesi della Sardegna in cui alcuni artigiani si sono specializzati nella realizzazione di coltelli a serramanico, con lama in acciaio e manico in corno di cervo, spesso variamente lavorato.

La ricchezza di miniere metallifere in tutta l’Isola ha sviluppato la lavorazione del ferro anche nella Nurra. Alghero è la località che vanta maggiore tradizione in questo territorio.

Metalli senza segreti in Sardegna

Metalli senza segreti in Sardegna

Nel centro storico di Seui (Ogliastra) risaltano i balconi in ferro prodotti dagli artigiani locali. Nella stessa regione segnaliamo anche Villagrande Strisàili.

Guspini (Sulcis-Iglesiente) è tra le località più rinomate in Sardegna per i coltelli a serramanico (“sa leppa”), con lama in acciaio e manico in corno.

Arbus vanta una discreta tradizione nella produzione artigianale di coltelli a serramanico (“sa leppa”), con lama in acciaio e manico in corno. Un’ampia esposizione è visitabile al Museo del coltello sardo.

La lavorazione del ferro battuto è piuttosto diffusa in tutto il territorio isolano, ma Pula è forse il centro sulcitano che vanta una maggiore tradizione.

Mandas è la località della Marmilla nella quale potete trovare ottimi laboratori artigiani.