enfrit

La festa della tosatura, dal 1982 tramanda il rito della tosatura

La tosatura in Sardegna

La tosatura in Sardegna

La festa si svolge dal 1982 e tramanda l’antico rito della tosatura delle pecore: un momento centrale per l’economia agropastorale del territorio.

Si svolge a maggio nei locali della fiera comunale, prima dell’arrivo del caldo estivo. Qui i tosatori danno prova della loro abilità con l’ utilizzo delle speciali forbici utilizzate per l’occasione is ferrus po tundi.

La tosatura è infatti un’operazione faticosa e particolarmente delicata, che richiede maestria per non rischiare di ferire l’animale e recuperare la maggior quantità possibile di lana. La pecora viene adagiata sul dorso con le gambe legate e liberata della lana che le renderebbe insopportabile la calura estiva.

Oggi la lana delle pecore sarde viene utilizzata sopratutto per maglieria, tessuti e tappeti e ogni pecora dà circa 1Kg e mezzo di lana. Durante la festa i pastori offrono su smurzu la tipica colazione pastorale a base di pane, formaggio, olive e vino.

Si tengono in questi giorni varie manifestazioni folkloristiche che permettono di immergersi nelle atmosfere mitiche di un ritorno alle origini agropastorali della terra sarda.