Città Scomparse

enfrit

Antiche rovine di città scomparseIsola nel cuore del Mediterraneo, crocevia di popoli e culture, la Sardegna è ricca di rovine di città oggi scomparse.
Antichi insediamenti che ci parlano di vecchie civiltà ormai estinte, di cui la Sardegna, con i suoi resti, ci aiuta a non perdere le tracce.
Fenici, Cartaginesi e Romani trovarono in Sardegna un importante sbocco commerciale, una base militare vincente, uno strategico punto d’appoggio. Sorsero così città ricche e fiorenti, che furono teatro di guerre e combattimenti, di trattative commerciali e scambi, i cui resti contribuiscono alla bellezza e unicità della Sardegna e che meritano oggi di essere visitati in una vacanza che nell’isola non può continuare a essere solo mare.

Area archeologica di Neapolis, sito di grande interesse naturalistico

Area archeologica di Neapolis, sito di grande interesse naturalistico

Area Archeologica di Neapolis ponte romano a SantaGiusta
www.tharros.info

L’area archeologica di Neapolis si trova a circa 24 km da Guspini. Per arrivare si percorre la SS 126 fino al km 94, dove si prende la deviazione per Sant’Antonio di Santadi. Percorsi circa 15 km e si devia a destra in una strada che attraversa dei terreni agricoli e dopo circa 200 m ci si trova nell’area archeologica.

Area archeologica di Monte Sirai

Area archeologica di Monte Sirai

Foto: Reperti archeologici Monte Sirai
www.wikipedia.org

L’insediamento sorge a pochi chilometri dalla costa, su un altopiano a 191 metri s.l.m. È situato in posizione strategica in quanto da quassù la visuale spazia dal bacino…

Turris Lybisonis, sei secoli di storia della colonia romana

Turris Lybisonis, sei secoli di storia della colonia romana

Foto: Reperti Archeologici Turris Lybisonis
Facebook Antiquarium Turritano

Turris Lybisonis, l’attuale Porto Torres, è la località più importante della Sardegna tra quelle fondate dai Romani durante la loro permanenza nell’Isola, esattamente tra il I secolo a.C. e il V d.C. (…)