Chiese

enfrit

chieseNel cuore dei centri abitati, oppure solitarie e affascinanti nelle campagne, le chiese dell’isola sono una presenza importante. Appartenenti a epoche e stili diversi, dal bizantino al romanico, dal gotico al gotico-catalano, dal barocco al neoclassico, sino ad arrivare agli stili contemporanei. Numerose, in particolare, sono le chiese romaniche, che costituiscono un segno forte nel paesaggio isolano, sia urbano sia rurale. L’avvento di questo stile risale al periodo dei giudicati (anno 1000), quando si intensificarono gli scambi commerciali con i pisani e i genovesi che aprirono la strada ad artigiani, predicatori e coloni che trasferirono in Sardegna la loro esperienza, fondendola con la tradizione locale. Dall’incontro delle due culture si diffuse un’architettura religiosa che ricalca il romanico pisano. Simbolo di questa stagione è , in primo luogo, la cattedrale di Porto Torres, San Gavino, ma gli esempi sono davvero tanti e si concentrano nel Logudoro e nei vicini territori. Tale architettura è l’espressione non solo di uno stile preciso, ma di una vera e propria cultura locale, in particolar modo legata alla pietra.

Chiesa di Sant’Antonio Abate di Orosei

Chiesa di Sant’Antonio Abate di Orosei

Credits: www.wikimedia.org

Questa bellissima chiesa si trova all’ingresso del paese di Orosei ed è probabilmente di origini pisane. Nel cortile si trova infatti la torre pisana, uno dei resti delle fortificazioni che proteggevano il centro abitato.