Cesti e Panieri

enfrit

cestiI lavori di intreccio in Sardegna sono stati, sin dall’antichità, una delle principali attività dell’uomo.
L’isola, terra ricca di materie prime, è da sempre stata la culla perfetta per lo sviluppo dei lavori di intreccio volti alla creazione di contenitori rustici di ogni tipo.
Cesti e cestini sono diffusissimi in tutta l’isola; le abitazioni rustiche, dei pastori e dei contadini, in alcuni paesi in particolare, sono piene di oggetti di cestineria, alcuni utilizzati per la conservazione degli alimenti, altri semplicemente esposti come ornamento.
I cesti e i panieri, che possono avere forma differente a seconda dell’utilizzo a cui sono destinati, vengono realizzati secondo la tecnica sarda detta ‘a spirale’: a partire da un ordito a spirale, viene intrecciata su di esso la paglia, che viene cucita punto per punto con un ago di ferro. Con la paglia, solitamente colorata, vengono realizzati bellissimi disegni; i più tradizionali sono le rose e le stelle, riprodotte solitamente nella parte centrale del cesto. I colori più ricorrenti sono il rosso, il nero, il blu e il verde. Alcuni cesti, molto ricercati, presentano sul fondo una pezza circolare di broccato colorato.
L’area della Sardegna che vanta la più importante tradizione nell’intreccio e nella cestineria è l’oristanese, zona ricca di stagni, dove crescono le piante e le erbe, come il lentisco, la palma, il giunco, la canna, l’asfodelo e la paglia, che nelle mani delle donne e degli abili artigiani danno vita ai meravigliosi cesti.