enfrit

La pace sfumata e l’inizio della decadenza

La pace sfumata e l'inizio della decadenzaIntanto la guerra contro gli Aragonesi era nuovamente scoppiata nel 1391, ad opera dello stesso Brancaleone, desideroso di riscatto. Erano state riconquistate Villa di Chiesa (Iglesias) e Sanluri, ma gli Aragonesi erano riusciti a difendere le principali roccaforti, vale a dire Cagliari e Alghero. Raggiunta la maggiore età, Mariano V aveva preso in mano le redini del Giudicato, affiancato dal padre Brancaleone. Nel 1396 Giovanni I era morto e, nello stesso tempo, era diventato re d’Aragona il fratello Martino.

Nel 1407 morì giovanissimo anche Mariano V. Quando il Giudicato fu affidato a Guglielmo III di Narbona (nipote di Beatrice, sorella di Eleonora), si arrivò alla battaglia finale tra Arborea e Aragona, con l’epico scontro di fronte al castello di Sanluri, nel 1409, che segnò la vittoria degli Aragonesi. Guglielmo III, suddito del re francese e grande generale nella Guerra dei Cent’anni contro gli Inglesi, tornò in Francia per riorganizzare le truppe, affidando il Giudicato al cugino Leonardo Cubello, ma questo per il giudicato d’Arborea fu l’inizio della fine.

Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS